San Gottardo in Corte

Zona di interesse: Piazza Duomo
Indirizzo: Via Pecorari
Categoria: Luogo di interesse - Luogo di culto
Tipologia: Architettura religiosa e rituale - Chiesa
Autore: Francesco Pecorari; Giuseppe Piermarini (rifacimento)

Anno esecuzione: 1330-1336, 1770
LINEA DEL TEMPO: epoca 400 a.C. - 1400 , 1700 -1800

Nel VI sec., alla fine del conflitto goto-bizantino, sull'area occupata da una parte dell'attuale chiesa risulta un caposaldo (torre) fortificato da Narsete, che cercava di mettere in sicurezza il cuore della città. Questo divenne ben presto la Cappella di San Giovanni alle fonti, sul cui sito, nel 1336, Azzone Visconti fa costruire dal cremonese Francesco Pecorari una cappella di corte che dedica alla Madonna; un altare che, poiché soffre di gotta, dedica a San Gottardo; un alto campanile ottagonale, detto "delle Ore" perché dotato di uno dei primi orologi pubblici di Milano e, infine, di un cospicuo tesoro. Una volta completati i lavori affida questo luogo di culto ai francescani. La costruzione dello scalone del Piermarini negli anni 1770 compromise totalmente l'aspetto esterno di quella che fino ad allora era la Cappella Palatina in San Gottardo: scomparve addirittura la facciata incorporata nel nuovo organismo, rimase intatto soltanto il campanile. Nel 1887, la Real Casa diede disposizione all'architetto Luca Beltrami di avviare il restauro della torre campanaria: la parte superiore riebbe tutte le sue colonnine e venne liberato il loggiato. Dopo il 1925, con la cessione del Palazzo Reale al Comune di Milano, l'architetto Calzecchi-Onesti avviò una seconda serie di interventi di restauro conservativo della chiesa, tra cui l'isolamento della base della torre, il riposizionamento del vecchio portale fino ad allora custodito al Castello, il recupero del rosone superiore e di un affresco trecentesco attribuito a Giotto, che nel 1953 fu trasferito all'interno per ripararlo dall'erosione e dalle intemperie. Nonostante questi interventi, la chiesa è stata a lungo chiusa in attesa di consolidamenti e ulteriori restauri fino alla sua riapertura, avvenuta il 5 maggio 2015.

La Chiesa di San Gottardo in corte

La Chiesa di San Gottardo in corte

icona_galleria

icona_capolavori

icona_approfondimenti

icona_arg_correlati

icona_link