I Pirelli

Imprenditori, industriali

LINEA DEL TEMPO: epoca 1800 – 1900, 1900 - 1945, 1945 - oggi

I Pirelli da quasi centocinquanta anni fanno parte integrante della storia di Milano, non solo per aver fondato la G.B. Pirelli & C., ma per aver portato il proprio contributo in molti ambiti, dallo sport alla cultura e all'arte.
Il primo a istituire il legame tra i Pirelli e il capoluogo lombardo è l'ingegnere Giovanni Battista Pirelli, che nel 1902 apre la G.B. Pirelli&C., l'azienda per lo sviluppo della gomma, dai pneumatici ai cavi elettrici. Nominato Senatore del Regno nel 1909, poi presidente della Confederazione Generale dell'Industria Italiana, oggi conosciuta come Confindustria, alla sua morte (1932) lascia ai figli Piero e Alberto la prosecuzione dell'attività famigliare, cui  entrambi affiancano altri progetti. La forte passione per lo sport di Piero, il maggiore dei due fratelli, lo porta a diventare presidente del Milan dal 1909 al 1929 e a decidere di costruire lo stadio di San Siro, struttura più adeguata all'Arena Civica, dove fino ad allora si disputavano le partite. Il cadetto Alberto, invece, supportato dal Partito Fascista, di cui è sostenitore fin dagli esordi, ottiene vantaggi per la sua azienda e incarichi che lo portano a diventare uno dei fondatori dell'Istituto Nazionale per il Commercio Estero (1926) e, come il padre, presidente di Confindustria nel 1934. Anche Alberto lascia un segno tangibile del suo operato a Milano, facendo costruire il Grattacielo Pirelli (conosciuto dai milanesi come "Pirellone"), progettato dall'architetto Gio Ponti, sui terreni dove si trovavano gli stabilimenti dell'azienda distrutti da i bombardamenti della Seconda guerra mondiale. L'edificio di 32 piani (era l'edificio più alto della Unione Europea fino al 1966) ospitò gli uffici della Pirelli fino al 1978, quando l'intero palazzo venne acquistato dalla Regione Lombardia per farne la propria sede. Dei tre figli avuti da Alberto (Maria Giovanna, Giovanni e Leopoldo),  soltanto quest'ultimo rimase nell'azienda fino al 1996.
Negli ultimi anni la famiglia Pirelli ha investito anche nella cultura con il Pirelli HangarBicocca (2004 ) spazio espositivo dedicato all'arte contemporanea ricavato da un ex-stabilimento e con l'istituzione nel 2009 della Fondazione Pirelli, che ha l'obiettivo di salvaguardare e diffondere la conoscenza del patrimonio culturale, storico e contemporaneo dell’azienda.

Giovanni Battista Pirelli

Giovanni Battista Pirelli