Giuseppe Colombo

Nato a: Milano, 18 dicembre 1836
Morto a: Milano, 16 gennaio 1921
Ingegnere, imprenditore, politico

LINEA DEL TEMPO: epoca 1800 – 1900, 1900 - 1945

Giuseppe Colombo, ingegnere, imprenditore e politico italiano, nasce a Milano da una famiglia piccolo borghese. Precoce negli studi, viene nominato a soli 20 anni e fresco di laurea, professore presso la Società d'incoraggiamento d'arti e mestieri di Milano e nel 1865 gli viene assegnata la cattedra di meccanica e ingegneria industriale dell'istituto tecnico superiore di Milano (futuro Politecnico di Milano), che terrà fino al 1911. L’imprenditore Giovanni Battista Pirelli, il pioniere dell'aviazione italiana Enrico Forlanini e il futuro direttore della Edison Giacinto Motta furono tre sui illustri allievi. Con il primo, Giovanni Battista Pirelli, diede vita alla prima centrale elettrica dell’Europa continentale nell’ex teatro Santa Redegonda, a due passi dal Duomo di Milano, da cui partì l'impulso che il 26 dicembre 1883 accese le 2282 lampadine che andavano a sostituire l'impianto a gas del Teatro alla Scala, primo teatro al mondo ad essere stato illuminato elettricamente.Colombo, prima di questa impresa, nel 1878 aveva scritto il Manuale dell’ingegnere, il titolo più famoso della collana dei manuali pubblicata dal 1871 dall’amico Ulrico Hoepli. Spirito curioso, Colombo – forse dopo avere assistito alla Scala alla prima rappresentazione del ballo <i>Excelsior</i>, inno sulle punte al progresso, era volato a Parigi nel 1881 per recarsi alla Mostra internazionale dell’elettricità. Qui aveva trattato con la società fondata da Thomas Alva Edison per ottenere l’esclusiva del sistema Edison in Italia; nel 1882 si recò da Thomas Alva Edison, per partecipare all’inaugurazione della prima centrale elettrica al mondo e definì con l'inventore e imprenditore americano il progetto della centrale elettrica da costruire a Milano.
Dopo aver portato luce sulla sua città, Colombo, dopo un'esperienza nel Consiglio comunale di Milano fu eletto deputato del Regno d’Italia nel 1886. Al governo fu Ministro delle Finanze (1891) e poi Ministro del Tesoro nel 1896, lo stesso anno in cui Pirelli lo nominò presidente della società elettrica Edison, che in quegli anni stava portando avanti lo sviluppo del sistema elettrico lombardo con le due nuove centrali elettriche costruite sull’Adda. Instancabile, l’ingegnere milanese, l’anno seguente divenne rettore del Politecnico di Milano, incarico che mantenne sino alla sua morte; fu presidente della Camera dei deputati, Senatore del Regno d’Italia, consigliere di amministrazione della Società Anonima Meccanica Lombarda (dal 18 aprile 1901), che nel 1911 otterrà la licenza per costruire gli aeroplani modello “Aviatik” e persino presidente del Credito Italiano.
Questo eclettico pensatore cui Milano deve gran parte del suo sviluppo industriale, morì nel 1921, alla veneranda età di 85 anni e venne sepolto al Cimitero Monumentale.

Giuseppe_Colombo

Giuseppe Colombo

icona_galleria

icona_capolavori

icona_approfondimenti

icona_arg_correlati

icona_link