Gio Ponti

Nato a: Milano, 19 marzo 1888
Morto a: Milano, 6 luglio 1967
Architetto

LINEA DEL TEMPO: epoca 1800 – 1900, 1900 – 1945, 1945 - oggi

Gio Ponti si laurea in Architettura al Politecnico di Milano nel 1921, dividendo il primo studio professionale in via Sant'Orsola con Giovanni Muzio, Giuseppe De Finetti, Mino Fiocchi, Emilio Lancia. L'interesse per le arti applicate si concretizza nella collaborazione con le ditte Richard-Ginori, De Angeli Frua, Venini, Melandri, Cassina (per cui progetta le famose sedie Leggera e Superleggera) e molte altre. Nel 1928 fonda la rivista "Domus", che dirige fino al 1941 (e poi ancora dal 1948 al 1979), e "Stile", creata nel 1941 e diretta fino al 1947. Nel primo periodo della produzione di Ponti numerosi sono gli edifici residenziali che realizza nella sua città natale: la casa di via Randaccio (1925), Casa Borletti in via San Vittore (1928), l'edificio di via Domenichino (1930), le "Domus" di via Letizia e via del Caravaggio e la Torre Rasini in corso di Porta Venezia (1933, con Emilio Lancia). Di questo periodo è anche il primo palazzo per la Montecatini (1936). Nel dopoguerra Ponti ricopre importanti cariche pubbliche: dal 1952 al 1955 è membro della Commissione Edilizia; dal 1957 al 1960 presidente del Collegio degli Architetti. Fra i progetti principali di questa stagione sono il piano per il quartiere INA-Casa Harar-Dessié (1950, con Figini e Pollini) e il secondo Palazzo Montecatini (1951). Dal 1952 al 1976 lavora con Rosselli e Fornaroli; con loro progetta la casa di via Dezza (1957), Casa Melandri in viale Lunigiana (1957) e il Grattacielo Pirelli (dal 1956). Dal 1936 al 1961 insegna alla Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano. Fra i principali volumi scritti da Ponti ricordiamo L'architettura è un cristallo, Milano 1945; Amate l'architettura, Genova1957) e Milano oggi, Milano 1957.

Gio Ponti

Gio Ponti

icona_galleria

icona_capolavori

icona_approfondimenti

icona_arg_correlati

icona_link