Achille Castiglioni

Nato a: Milano, 26 febbraio 1918
Morto a: Milano, 6 dicembre 2002
Architetto, designer

LINEA DEL TEMPO: epoca 1900 – 1945, 1945 - oggi

In piazza Castello 27, a pochi passi dalla Triennale, è aperto al pubblico lo studio-museo di Achille Castiglioni, un universo di progetti, modelli, studi, disegni, oggetti che raccontano sessant’anni di traboccante, vitalissima attività: visitarlo significa entrare in contatto con uno dei più grandi protagonisti della creatività applicata alla produzione industriale. Noto nel mondo come “il designer che sorride”, grazie ai suoi progetti Achille Castiglioni ha vinto ben nove “Compassi d’Oro” grazie a lampade, sedie, posate, macchine industriali. L’ultimo gli è stato attribuito “per aver innalzato il design ai valori più alti della cultura”.
Ricordando Castiglioni, intendiamo allargare lo sguardo a uno degli aspetti tuttora più forti della identità culturale di Milano, rinnovata anno dopo anno nella effervescente settimana del design. I progetti entrati nel nostro “paesaggio domestico” sono innumerevoli, in tutti i campi, dalla moda all’arredamento, dalle automobili agli apparecchi elettronici, dai prodotti di gran lusso agli oggetti della vita quotidiana: fra i protagonisti del “bel design” italiano ricordiamo Marco Zanuso, i fratelli Osvaldo e Fulgenzio Borsani, Bruno Munari, Franco Albini, Ettore Sottsass, Ignazio Gardella, Vico Magistretti, Roberto Sambonet, Giorgio Giugiaro, Battista Pininfarina, Anna Castelli e molti altri ancora, grazie ai quali il “Made in Italy” diventa un fenomeno internazionale.

Achille Castiglioni

Achille Castiglioni

icona_galleria

icona_capolavori

icona_approfondimenti

icona_arg_correlati

icona_link